La sostenibilità in Maspi

Oggi non basta solo produrre bene, bisogna anche farlo in maniera rispettosa dell’ambiente e delle persone.

Maspi in tal senso è evoluta molto negli anni, migliorando continuativamente le sue tecnologie e l’impatto ambientale che genera. Maspi si differenzia molto nel settore dello stampaggio plastico, grazie alla sua specializzazione nell’utilizzo della tecnologia non convenzionale Restylon, che permette di ottenere delle trasformazioni materiali in plastica più sostenibili.          

Utilizzo materiali riciclati per abbattimento della Co2
 

10% del fabbisogno energetico totale generato attraverso pannelli solari
 

Autonomazione della gestione del magazzino e dell'area produttiva

Nel settore delle trasformazioni industriali i materiali polimerici utilizzati nel processo si collocano già in una posizione favorevole rispetto alla bassa produzione di CO2. Comparati con materiali tradizionali quali il metallo o il vetro, richiedono infatti minori risorse energetiche per la loro produzione, trasformazione e riciclo.

Ottengono quindi un migliore “LCA” (Life Cycle Assessment) rispetto ad essi. Tuttavia, quando si parla di recupero e riciclo, non tutti i polimeri hanno la possibilità di tornare ad essere prodotti importanti dopo il loro primo o secondo recupero. La maggior parte di essi viene riutilizzata in applicazioni di minore pregio rispetto alla loro prima “vita”, rendendo difficile per alcuni settori merceologici che puntano anche sulla qualità estetica, contribuire al miglioramento dell’ambiente.

Grazie alla ricerca e sviluppo, alla competenza e ai processi produttivi di Maspi, il binomio “riciclato = scarsa qualità” è definitivamente infranto. Polimeri tecnici di prim’ordine hanno ora una seconda chance di impiego, ad alto livello estetico e prestazionale. Questo grazie alla tecnologia Restylon che permette di poter evitare un totale utilizzo di materiale vergine, che produrrebbe una maggiore quantità di Co2, inserendo nel prodotto circa un 30% del materiale riutilizzato.
Oltre ad una maggiore responsabilità ambientale rispetto al resto del mercato, Maspi si è sempre posta anche degli ambiziosi obiettivi riguardo all’avanzamento tecnologico. Dal 2020 Maspi utilizza un sistema di gestione integrata, classificabile come tecnologia 4.0, che permette una migliore gestione dell’area produttiva: dal calcolo della quantità del materiale utilizzato, a quello delle scorte, allo stato di avanzamento dei lavori, ai pezzi prodotti e gli scarti riconducibili ad ogni singola macchina. Questa innovazione ha permesso di fare un ulteriore passo avanti verso una significativa riduzione di errori e sprechi che possono danneggiare economicamente ma anche ambientalmente i risultati aziendali. Per noi si tratta di un primo passo verso il nostro obiettivo di rendere Maspi una cosiddetta “Smart Factory”.