Stampaggio in Co-iniezione

Questo processo di trasformazione che rappresenta il core business MASPI permette di ottenere articoli con alti spessori.
Molte idee progettuali pensate per lo stampaggio ad iniezione richiedono, per ragioni estetiche o funzionali, spessori di parete elevati.
Lo spessore elevato, difficilmente è realizzabile con lo stampaggio ad iniezione tradizionale (compatto).
I tempi di raffreddamento del cuore dell'oggetto sono lunghi e finiscono con l'aggravarne il costo ed inoltre influenzano l'estetica del manufatto.
E' accaduto e continua ad accadere, che per restare sugli spessori o masse ipotizzati nel progetto, il designer debba orientarsi verso altri materiali (termoindurenti o resine poliuretaniche). Resine non riciclabili.
Questo determina la rinuncia al valore aggiunto della riciclabilità del prodotto finito.
Inoltre a volte è necessario intervenire sul manufatto con delle post lavorazioni (come ad esempio la verniciatura), al fine di minimizzare i difetti superficiali.
Con la co-iniezione é possibile mantenere la ricchezza estetica e funzionale ipotizzata dal Designer (peso, superfici, colori), a costi controllati e competitivi.
Si tratta di una tecnologia non convenzionale sviluppata e approfondita nel nostro stabilimento.
La co-iniezione richiede l’uso di macchinari speciali e deve essere abbinata con materiali idonei.
Con la co-iniezione si realizzano articoli composti da una pelle (esterno) e da un’ anima (interno) fusi in maniera solidale e inscindibile. (sublimazione)
Ognuno dei materiali viene scelto in funzione della prestazione finale richiesta all’articolo.
La co-iniezione permette di realizzare articoli anche con spessori variabili che possono andare da 3 ai 25/30 mm.


Il processo di co-iniezione prevede l'introduzione di un agente espandente nel materiale interno (anima) il quale, durante la plastificazione del polimero, sviluppa gas nella massa polimerica. Si tratta di una reazione chimica in grado di generare una micro-pressione interna che dà origine a micro cavità nel cuore pezzo.

Questa tecnica permette:
  • una leggera diminuzione del peso del pezzo a parità di spessore
  • l'eliminazione dei risucchi da contrazione del polimero durante il raffreddamento
  • l’utilizzo di materiale compatibile riciclato (anima)

Stiamo cercando nuove idee!

Cerchiamo nuovi settori dove applicare le nostre tecnologie, proponeteci le vostre idee o un vostro progetto,
valuteremo assieme la possibilità di svilupparlo e renderlo concreto.

Siamo aperti a tutte le proposte e che abbiano come idea portante l'innovazione e l'ecosostenibilità dal settore living, all'industriale dall'automotive al navale.
 

Cliccate qui per scoprire di più